12 aprile 2016

democrazia è partecipazione: votare (SI) ne è una manifestazione logica

Anche se sono solo osservazioni personali, non formulate ex cathedra, credo che come cooperatore non possa astenermi. Non posso astenermi dal prendere posizione, ed a maggior ragione non posso astenermi dal votare domenica. Le cooperative sono una forma di democrazia economica fondamentale. La mancanza di partecipazione (e di voto) le riduce a fenomeni ambigui, con taluni risultati negativi che abbiamo anche recentemente potuto toccare con mano. Senza democrazia (e senza voto) non si assicura l’intergenerazionalità ed il ricambio dei gruppi dirigenti; senza democrazia (e senza voto) non ci si confronta, non si elabora, non si esaminano i risultati, non si correggono errori e non si intraprendono nuove strade per il futuro. Non è un caso che, nella cooperazione come nelle forme di democrazia diretta autogestionaria, anche gli anarchici – che hanno un’idea nobile e motivata di astensione come negazione dello Stato – votino e talvolta si candidino. Ed inoltre c’è il senso di responsabilità. Se qualcuno, in una cooperativa, invitasse i lavoratori a non diventare soci, a non partecipare, a non esprimersi (anche votando), tradirebbe la caratteristica fondamentale dell’impresa cooperativa: la democrazia. Trasformando i lavoratori-imprenditori associati in subalterni-sfruttati. Similmente, nella società e nelle istituzioni, il pubblico funzionario non può tradire […]