Archivio Testi

Glosse ad un NO socialista

1. L'insistenza con cui lo stesso Renzi sgrida gli oppositori della "sua" revisione costituzionale di "stare al merito" è eloquente. Non è il merito l'oggetto della "sua" revisione costituzionale. Sono le dimensioni politico-culturali e socio-economiche che la sorreggono ad essere oggetto delle continue forzature parlamentari da circa 18 mesi a questa parte e dell'imminente consultazione referendaria. 2. Non esiste un "combinato disposto" dicono i sostenitori della revisione sulla base di Leggi tutto [...]

Continua...

Cosa c’entra l’ossessione clericale per la fertilità con la Costituzione?

Beatrice Lorenzin, con la sua campagna pro fertilità, è già stata sbertucciata abbastanza per dover aggiungere altro. Basta limitarsi a notare che è riuscita nell'impossibile: eguagliare la sua collega Maria Stella Gelmini, quella dei "tunnel dei neutrini" dal Cern di Ginevra al Gran Sasso. Così è: un tempo i politici venivano selezionati (non importa se in canonica oppure nelle manifestazioni operaie oppure ancora nella guerra partigiana), oggi ci si accontenta di dilettanti in carriera. Spesso Leggi tutto [...]

Continua...

Dialogo partigiano sul si o il no al referendum

Un'amica, Imelde Rosa Pellegrini - gloriosa storica, attivista pacifista, cooperatrice sociale e da sempre esponente della ANPI - ha risposto al mio precedente intervento, in cui rendevo nota, insieme a materiale analitico sulla controriforma costituzionale proposta dal Governo Renzi, la mia posizione per il "no" al referendum:   Caro Gigi, io ammiro le tue certezze. Io sono molto dubbiosa e ti dirò perchè: non voterò mai come vota Casa Pound, come votano i grillini, come votano in Leggi tutto [...]

Continua...

Perché votare no (si) alla controriforma anticostituzionale (tre comparazioni tra Costituzione ed articoli di riforma)

Ecco in allegato un foglio di confronto tra la parte della Costituzione modificata e gli articoli della "controriforma Boschi": http://documenti.camera.it/Leg17/Dossier/Pdf/AC0500N.Pdf Prima ancora che un commento organico, la lettura delle minuzie inserite dà già ad una prima lettura la dimensione di un gioco da azzeccagarbugli di provincia, di quelli manzoniani doc per "fregare i villani zotici ed incolti". Ovviamente non Leggi tutto [...]

Continua...

Perché votare No al referendum anti-costituzionale

Per leggere bene le immagini, clicca sulle icone due volte x due volte di seguito: Leggi tutto [...]

Continua...

Referendum Costituzionale, Gustavo Zagrebelsky spiega i 15 motivi per dire no alla riforma voluta da Renzi

1. Diranno che “gli italiani” aspettano queste riforme da vent’anni (o trenta, o anche settanta, secondo l’estro) Noi diciamo che da quando è stata approvata la Costituzione – democrazia e lavoro – c’è chi non l’ha mai accettata e, non avendola accettata, ha cercato in ogni modo, lecito e illecito, di cambiarla per imporre una qualche forma di regime autoritario. Chi ha un poco di memoria, ricorda i nomi Randolfo Pacciardi, Edgardo Sogno, Luigi Cavallo, Giovanni Di Lorenzo, Junio Leggi tutto [...]

Continua...

La guerra di Re Matteo

Vanni Tissino ci ricorda questo chiaro articolo di Giulio Marcon, deputato ed ex portavoce dell'Associazione per la Pace nazionale: La guerra di Re Matteo, di Giulio Marcon, "il manifesto" del 14.2.2015 Venerdì notte, la Camera dei Depu­tati — senza le oppo­si­zioni che ave­vano abban­do­nato l’aula — ha modi­fi­cato, nell’ambito della riforma della seconda parte della Costi­tu­zione, anche l’ex arti­colo 78, quello che norma le moda­lità della dichia­ra­zione dello Leggi tutto [...]

Continua...

Bentornato proporzionale!

La Corte Costituzionale ha esercitato, come fa dal 1956, la sua funzione di controllo sulla conformità alla Costituzione Repubblicana delle norme che i legislatori (con la minuscola) continuano ad emettere con un acume normativo pari a quello con il quale vengono confezionati gli hamburger di Merdonalds. Dal 1956: ci tengo, io e la C.C. abbiamo la stessa età, splendidi ultracinquantenni. Dal 1956: perché ci sono voluti otto lunghi anni, e la spinta del presidente Gronchi (democristiano, Leggi tutto [...]

Continua...