Archivio Testi

CHIAMATA AL DISARMO

Possiamo considerare lo sganciamento dalla belligeranza atlantica (che pare strutturalmente proiettata in un futuro indefinito) una “delle grandi sfide per la sinistra”, così come indicato da Valentino Parlato sul Manifesto del 9 dicembre scorso? La risposta dovrebbe essere scontata ma l’impressione è che allo slancio etico non corrisponda, da troppo tempo, un serio impegno di analisi e di proposta da parte di ciò che chiamiamo sinistra e della intellettualità che ad essa si richiama. Sembra Leggi tutto [...]

Continua...

“Democrazia” ucraina.

La notizia è su tutti i giornali, informazione in cronaca. Il governo "democratico" e filoccidentale dell'Ucraina ha messo al bando tutti e tre (il vecchio vizio della frazione permane, anche nelle situazioni più paradossali) i partiti comunisti di quel paese. Immaginiamo seguirà presto anche il partito socialista, meglio non lasciare tracce viventi dell'ideologia marxista. Quella che ha previsto la crisi del capitalismo un po' prima degli economisti on-the-net, e lanciato l'appello "proletari Leggi tutto [...]

Continua...

Ucraina? Venti di guerra, ma anche trenta…

Ucraina? Mi ricordo un vecchio spot dei primi anni novanta. E mi pare che ancora ci sia troppa gente che ne ignora l'esistenza.. Dunque, ti/ vi logoro ancora. Saluti. Bruno Viol   Venti di guerra, ma anche trenta…   Evidentemente la follia non ha limiti. Dire che la piega che la questione Ucraina sta prendendo e’ pericolosa, e’ davvero un eufemismo. Non siamo piu’ alla fase del pericolo, non di quello potenziale, perlomeno; siamo molto piu’ avanti purtroppo, Leggi tutto [...]

Continua...

Poveri noi.

Quando uno vive in un posto in cui la guerra e' normalita', si pone alcune domande. Dunque..   Continuiamo a farci del male, cosi’ diceva Nanni Moretti in uno dei suoi tanti film. E noi, che non siamo dei pirla, prendiamo il consiglio alla lettera. Non ci basta piu’ evidentemente essere governati da un branco di attori scalcagnati che recita un po’ a soggetto, un po’ a braccio e improvvisa senza averne le capacita’. Ora ci sono pure le pretese di assumere un ruolo di protagonista Leggi tutto [...]

Continua...

Vacanze primaverili

Aria di primavera...   e di prima-vere/false ce ne sono state persino troppe; magari nate sotto i migliori auspici, ma troppo spesso finite in caciara. Ora si cerca di spacciare per una nuova primavera anche il casino che si sta consumando in Ucraina, ma sarà anche perché quello è un Paese generalmente freddino, quella primavera stenta a convincere. Se poi uno vuole credere a ciò che i nostri valorosi italici reporter ci vengono a raccontare sulle principali testate, prego, si accomodi, Leggi tutto [...]

Continua...

Giochi di parole

L'Unione Europea e gli Usa condannano il violento distacco del Kossovo dalla Serbia, ad opera di un regime di tagliagole, integralisti islamici e spacciatori internazionali di droga. La Nato bombarda l'Ucraina, che rifiuta la legittima indipendenza della Crimea. Napolitano (non è mai troppo tardi, sono passati solo 58 anni dall'invasione sovietica dell'Ungheria) condanna il violento intervento del Patto di Varsavia contro il regime comunista riformista di Budapest. Renzi decide di adottare Leggi tutto [...]

Continua...

Ucraina e dintorni

Cosi', per continuare quello che si diceva a proposito di controrivoluzione globale, fermandosi per ora all'Ucraina. Saluti da Bor, Sud Sudan. Bruno Tassan Viol - - - La storia si ripete, non c’e’ che dire. E’ passato piu’ di un secolo e mezzo, ma pare non sia cambiato niente da allora. Ne’ la regione in cui spirano i venti di Guerra, ne’ la sacra alleanza che si schiera contro il solito nemico. All’epoca l’Italia ancora non esisteva, almeno dal punto di vista Leggi tutto [...]

Continua...

Controrivoluzione globale ?

In Siria i paesi occidentali e le petrolmonarchie arabe alimentano una guerra civile per imporre un nuovo stato fondamentalista islamico. Gli specialisti della Nato addestrano i loro "nemici" di Al Quaida. In Ucraina si scatena una guerra civile: dopo il fallimento delle "rivoluzioni" "colorate", oggi si passa direttamente alle bande fasciste armate. I fascisti ucraini non erano secondi a nessuno, ai tempi delle SS etniche. Chiedetelo ai pochi sopravvissuti ebrei. In Venezuela stessa scena. Leggi tutto [...]

Continua...