Archivio Testi

Brexit? L’Europa sociale possibile si è tolta una zavorra dai piedi

Tutti a strapparsi le vesti per l'imminente fine dell'Europa? Per la fine del Welfare State? Salvini ed altri fascisti * come Le Pen a festeggiare per la vittoria? Le borse che crollano! Ma di cosa stanno parlando????? Premesso che le borse valori sono dei luoghi di ludopatia collettiva e di rapina universale dei quasi-poveri da parte dei ricchi&ricchissimi; che le società di rating sono lobbies private; e che tutte dovrebbero tutte essere chiuse con i blindati dei Carabinieri... di che Leggi tutto [...]

Continua...

E li chiamano rifugiati…

Se uno e’ rifugiato, significa che quel rifugio che va cercando lo ha gia’ trovato. Se invece e’ costretto, mica perche’ quel giorno gli girasse cosi’ ben inteso, a vagare in mezzo alla fanga con o senza famiglia a al seguito, dopo aver attraversato in qualche modo il mare, camminato spesso per giorni, trovato magari un passaggio di fortuna (perche’ trovare un passaggio sarebbe una botta di vero culo), lasciando dietro di se’ solo una montagna di ricordi e di macerie e forse anche la Leggi tutto [...]

Continua...

Europe assistence

Due brevi commenti sul nostro vecchio (ormai è altro che questo) continente. Fantastica l'Europa! Se almeno ci fosse dato capire cosa significa il termine Unione Europea, sarebbe un passo avanti. Al momento più che di un'accozzaglia di 28 Stati che hanno spedito i loro rappresentanti tra Bruxelles e Strasburgo, con compiti e mandati che risultano alla fine pressoché inutili, ed alcuni dei quali hanno una moneta comune (anche quella che a qualcuno fa comodo e ad altri pesa), non si capisce bene Leggi tutto [...]

Continua...

Il prossimo referendum in Grecia

Ce l'abbiamo nel kulos? Estate calda questa, chi può se ne scappa al fresco, magari in qualche splendida isola greca dove per  farti uno scontrino devi sudare le dodici fatiche di Ercole. Ma non è certo (solo) questo che ha messo quel paese in mutande, poi vediamo perchè. Fatto sta che tra un paio di giorni i cittadini ellenici sono chiamati a pronunciarsi attraverso un referendum sull'accettazione o meno delle forche caudine a cui questo straccio di Europa (anche qui chiarezza è necessaria) Leggi tutto [...]

Continua...

Europallida

W l'Unione Europea! (ri)Detto che prima di parlare di Europa dovremmo almeno capire quali siano i suoi confini naturali, azzardare il termine “Unione” pare ancora più improbabile. Con il Regno Unito (anche quello, Unito...) che probabilmente andrà a verificare la volontà dei suoi cittadini di rimanere all'intereno di questa amorfa entità, con l'improbabile possibilità di unità di vedute tra i suoi vari componenti, con la parte più forte dei Paesi (non a caso l'Italia non c'è) che la compongono Leggi tutto [...]

Continua...

Poveri noi.

Quando uno vive in un posto in cui la guerra e' normalita', si pone alcune domande. Dunque..   Continuiamo a farci del male, cosi’ diceva Nanni Moretti in uno dei suoi tanti film. E noi, che non siamo dei pirla, prendiamo il consiglio alla lettera. Non ci basta piu’ evidentemente essere governati da un branco di attori scalcagnati che recita un po’ a soggetto, un po’ a braccio e improvvisa senza averne le capacita’. Ora ci sono pure le pretese di assumere un ruolo di protagonista Leggi tutto [...]

Continua...

Vacanze primaverili

Aria di primavera...   e di prima-vere/false ce ne sono state persino troppe; magari nate sotto i migliori auspici, ma troppo spesso finite in caciara. Ora si cerca di spacciare per una nuova primavera anche il casino che si sta consumando in Ucraina, ma sarà anche perché quello è un Paese generalmente freddino, quella primavera stenta a convincere. Se poi uno vuole credere a ciò che i nostri valorosi italici reporter ci vengono a raccontare sulle principali testate, prego, si accomodi, Leggi tutto [...]

Continua...

Ce lo chiede l’Europa !

Direttiva europea vieta la cooperazione con le colonie israeliane. Morgantini: Israele capisca che la colonizzazione ha un prezzo da pagare. “L'Unione europea sembra essere passata dalle reiterate dichiarazioni e dalle denunce verbali a decisioni politiche ed iniziative concrete. La direttiva che vieta i rapporti con le colonie israeliane costruite illegalmente nei Territori occupati palestinesi segna un salto di qualità che, malgrado le violente reazioni israeliane, potrà avere un impatto Leggi tutto [...]

Continua...