9 aprile 2018

Mamma li turchi!

Ecco, pare che ora i protagonisti principali della scena siriana siano ora turchi. Ghouma e’ stata praticamente ripresa sotto controllo dalle forze armate siriane (probabilmente anche in seguito ad un accordo con i turchi che hanno fatto da tramite nelle trattative che prevedevano la ritirata di Jaish al Islam) e si attende di capire quale sara’ la prossima mossa delle truppe di Assad. Naturalmente appoggiate soprattutto dall’aviazione russa. Un po’ piu’ a sud, a Daraa, c’e’ ancora un discreto numero di “ribelli” che controllano, appoggiati dagli israeliani, l’area a ridosso del Golan. Che la Siria abbia sempre, tra l’altro supportata da una serie di decisioni del Consiglio di Sicurezza dell’Onu, considerato quel territorio come parte integrante della nazione, non e’ certo un segreto. Che gli israeliani abbiano sempre fatto orecchie da mercante tanto qui quanto in Palestina, e’ altrettanto noto. Che poi, Hezbollah, che ha una sua pesante presenza nel sud del Libano che confina proprio con il Golan e con Israele, abbia le sue pretese ad avere un controllo, magari indiretto, dell’area di Daraa, e’ solo la logica conseguenza di quanto detto appena sopra e frutto dell’appoggio incondizionato, spesso determinante e segnato da perdite consistenti, assicurato ad Assad. Certo, […]