Risiko
31 Marzo 2018
Mamma li turchi!
9 Aprile 2018

RESISTENZA POPOLARE IN PALESTINA: UNA STORIA DI SPERANZA CONTRO L’ESILIO E L’APARTHEID

La IAW è un’iniziativa internazionale che ha l’obiettivo di sensibilizzare l’opinione pubblica sulle
politiche di occupazione militare, colonizzazione e apartheid attuate da Israele contro i palestinesi e
di promuovere le campagne del movimento BDS per fare pressione su Israele a favore del rispetto
dei diritti umani e per la legalità internazionale.

Quattordicesima Settimana contro l’apartheid israeliana (Israeli Apartheid Week – IAW)

RESISTENZA POPOLARE IN PALESTINA:
UNA STORIA DI SPERANZA
CONTRO L’ESILIO E L’APARTHEID

Salone del Popolo di Palazzo D’Aronco
Piazzetta Lionello, Udine
mercoledì 11 aprile ore 18

interverrà

M A Z I N  Q U M S I Y E H
professore di genetica e ricercatore alle facoltà di biologia dell’università di Betlemme e Bir Zeit nei Territori Palestinesi Occupati. Ha fondato e dirige il Museo di Storia Naturale di Betlemme. E’ anche membro attivo di molti gruppi per i diritti umani (Amnesty, Peace Action, Human Rights Watch, ACLU etc.); è autore di diversi libri, articoli e pubblicazioni, tra cui il più noto ‘Sharing the Land of Canaan: human rights and the Israeli/Palestinian Struggle’. Gestisce una mailing list sui diritti umani nei Territori Palestinesi Occupati e sulle azioni concrete possibili.

A 70 anni dalla Nakba del 1948, la pulizia etnica che ha privato i palestinesi della libertà e della
terra con la fondazione dello stato di Israele, la resistenza popolare palestinese continua contro
l’occupazione militare, per la libertà, la giustizia e l’uguaglianza.

2 Comments

  1. Sebastiano Comis ha detto:

    La guardia del campo

    ‘Sparate senza preavviso
    a quelli che non rispettano
    la fascia di rispetto,
    che sia il muro del ghetto
    o il perimetro della gabbia’.

    Così ci hanno detto
    nei gulag, nei lager, a Gaza.

  2. Sebastiano Comis ha detto:

    La barricata ebraica

    Cataste biancastre di corpi scomposti
    dei poveri morti a un passo dalla libertà
    nel gennaio di Auschwitz.
    Nascosti dietro, cecchini israeliani
    sparano sui palestinesi
    usando quei corpi come scudi disumani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.