FriuliSera: ed è subito un’altra informazione
26 marzo 2016
Un e-book gratuito per il referendum e oltre
11 aprile 2016

Domenica vota SI

Vari motivi per votare si (si vota solo domenica!).
La prendo alla larga.

Per esempio perché si vota solo di domenica: chissà come mai, quando debbono costringerti a votare per candidati indigesti, che sanno solo promuovere se stessi, ti fanno votare anche lunedì.

Oppure perché c’è un governo che sta facendo di tutto per non farci andare a votare.
Sospetto, no?

Oppure ancora perché c’è un tale, che parla nello stesso dialetto di Pinokkio, che ritiene inutile far votare, a meno che non si tratti di omaggiare lui di una standing ovation. Certo, non è Mussolini, e neanche il Craxi che invitava ad andare al mare: la tragedia, le volte successive alla prima, si ripresenta come farsa.

E poi magari perché a sentire che si astengono ex ossequiosi funzionari destro-comunisti, come Borghini, ti viene inequivocabilmente voglia di fare il contrario. Io mi sono iscritto alla Fgci ai tempi in cui quello lì era segretario, e sono incazzato ancora, per il tempo gettato a credere a dei venditori di fumo. Per non dire del Chicco Testa passato dall’antiproibizionismo sulle droghe alla Lega Ambiente alle lobbies nucleari. Che poi i due si definiscono “ottimisti e razionali” (.. opportunisti e furbacchioni? ).

E poi infine, last but not least, per il merito. In un mondo inquinato che sta veleggiando verso l’autodistruzione, smetterla di torturare la Terra non sarebbe male. Nel paese del Sole – sempre più soffocante – andare alla ricerca di altro petrolio e metano è semplicemente assurdo. Chi persevera, è a libro paga di petrolieri e produttori di automobili (o magari spererebbe di entrarci, a libro paga).

La vita è altro. Io voto e voto si.

Gian Luigi Bettoli

3 Comments

  1. Gigi Bettoli ha detto:

    In questi tempi dove il libro delle faccine ha sostituito le più faticose ma sane letture, ognuno può ritagliarsi il pezzo di storia che vuole, dimenticandosi del contesto. Dopo una dura battaglia antinuclearista, il congresso del Pci del 1986 dovette confrontarsi con ben due mozioni (praticamente simili), primi firmatari Fabio Mussi ed Antonio Bassolino, che imposero la scelta antinucleare al partito. Farei meno ironie, e mi dedicherei a cercare di portare qualcun/a altro/a al voto. In ogni caso: avercelo, oggi, un partito dove e con cui fare battaglia politica!

  2. marco caco ha detto:

    Ma dove saranno finiti i militanti di quel partito che erano fieri sostenitori dell’energia nucleare.
    https://www.facebook.com/note.php?note_id=440205515698

  3. Carlo Danzi ha detto:

    La Costituzione dice che i cittadini cui sono affidate funzioni pubbliche hanno il dovere di adempierle con disciplina e onore. Invitare i cittadini a non votare non mi sembra onorevole.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: