Perché votare No al referendum anti-costituzionale
22 maggio 2016
Grande è la confusione sotto il cielo, quindi (se ci fosse un punto di riferimento) la situazione potrebbe pure essere eccellente
20 giugno 2016

Tende, case, accoglienza. Tragedie, confusione e… cretinismo elettorale

1. Una premessa, tanto per essere chiari: candidarsi alle elezioni non è un obbligo. Spesso si fa miglior figura a stare a casa.

Non si capisce per quale motivo – a fronte del fatto che il Partito Socialista pordenonese per due volte, nel 1914 e nel 1915, rifiutò di conquistare il comune, pur sapendo di avere la maggioranza tra le migliaia di elettori operai e pure tra i borghesi progressisti, radicali e democratici – ci siano gruppuscoli e singole personalità che si ostinano a presentare listerelle prive di qualsiasi chance, e pure della dignità necessaria per presentarsi con idee valide, da esporre come “diritto di tribuna” tra le minoranze. Se il glorioso Psi di Giuseppe Ellero, Guido Rosso, Romano Sacilotto, Vincenzo Degan e tanti altri, si riteneva ancora impreparato ad assumere il governo della cosa pubblica (cosa che dimostrò egregiamente di fare con la “giunta Rosso” del 1920-1922, a dispetto delle violenze fasciste) cosa spinge oggi persone non paragonabili con quei fulgidi esempi a cimentarsi con cose più grandi di loro?

2. E veniamo ad oggi, nell’Italia diventata da ben 25 anni terra di immigrazione. A dispetto di struzzi ed altri bipedi ottusi che mettono la testa sotto la sabbia.

Che viene colpevolmente gestita come un’ “emergenza”, il che fa piangere. Con migliaia di morti annegati, quando – proprio cent’anni fa – l’Italia fece una guerra mondiale (con milioni di morti, feriti, invalidi, vedove, orfani ed immani distruzioni) ANCHE per sottrarre all’Austria-Ungheria i porti adriatici orientali, da dove partiva LA GRANDE MAGGIORANZA DEL MOVIMENTO EMIGRATORIO ITALIANO.

Chissà perché lasciamo che la gente anneghi dopo aver pagato “biglietti” molto più salati di quelli che potrebbero pagare alla nostra marineria, prima accoglienza inclusa?

Chissà perché ci rifiutiamo, a differenza della Germania e dei paesi scandinavi, di accogliere quelle centinaia di migliaia di immigrati che CI SERVONO, per allargare il mercato, non solo del lavoro, nel paese più vecchio d’Europa?

Chissà perché ci si ostina a voler discriminare tra “richiedenti asilo” ed “emigranti economici”, come se sfuggire da paesi dove non si possono neanche comprare le medicine salvavita fosse una cosa strana?

Forse perché è meglio avere manodopera irregolare a basso costo, per i padroncini ottusi che poi votano per i movimenti reazionari?

3. Intanto una informazione corretta sui rifugiati. Tanto per parlare di cose concrete, e non di baggianate da osteria, innaffiate da libagioni eccessive.

I dati del Ministero dell’Interno e della Commissione Nazionale Asilo:
1) al 10% dei richiedenti viene riconosciuto lo status di rifugiato;
2) al 23% dei richiedenti viene riconosciuto lo status di protezione sussidiaria (in buona sostanza profughi di guerra):
3) al 28% viene riconosciuta una protezione umanitaria (viene rigettato l’asilo in senso stretto ma viene riconosciuta la sussistenza di motivi umanitari, quali la salute, l’età – es: il caso di ragazzi fuggiti quando erano ancora minorenni, persone traumatizzate etc);
4) Solo il 36% delle domande viene rigettato in sede amministrativa.

Per una corretta valutazione infatti bisognerebbe aggiungere l’esito dei ricorsi che purtroppo per disfunzioni della macchina amministrativa italiana, non sono classificati e pubblicati.

Tutti gli osservatori (compreso il Governo) stimano in circa il 20% il tasso di accoglimento dei ricorsi.
In buona sostanza si può vedere come circa il 70% delle domande di protezione si è concluso nel 2015 con un esito positivo.

E in FVG?

Nel FVG questo tasso è più elevato poichè la maggioranza delle domande di asilo è rappresentato da cittadini afgani che, come si vede dalla tabella, hanno tassi di riconoscimento (protezione sussidiaria, quindi una delle due forme della protezione internazionale) che sfiorano il 100%
Per l’altro gruppo particolarmente numeroso (Pakistan) la situazione è più vicina alla media nazionale, pur con più tassi elevati.

dati rifugiati

 

4 . Piombiamo ora dalla Luna sulla Terra, latilongitudine Pordenone, con la surreale dichiarazione di Sonia D’Aniello a “Il Messaggero Veneto” del 1 giugno 2016 sul wi-fi da negare agli immigrati, tanto per consigliarli ad andarsene:

Come se i nostri parenti all’estero non avessero scritto migliaia di lettere a casa e senza riflettere che il wi fi e la rete sono gli unici beni che NON si consumano se vengono usati da tutti e anzi vivono e si arricchiscono di questo uso.
Tanto per capire che non è uno svarione del quotidiano udinese, questa è la sua sgrammaticata e-mail a Mauro Marra, presidente dell’Associazione Immigrati di Pordenone:

“caro Mauro Marra, se voi che siete pro-profughi in ogni dove io sono e il mio consigliere Andrea Finardi siamo per la correttezza: non si può mettere a repentaglio la vita di povera gente e poveri cristi in un’area dismessa!! questo non è rispetto e dignità per le persone! come non lo è farli dormire sotto la loggia e come non lo è USARE le persone!! noi siamo per una equa distribuzione territoriale che salvaguardi la salute e la sicurezza per tutti. Ora decidano tutti i cittadini se Finardi Andrea è leghista…comunque questa non è il luogo per dimostrarlo! io l’ho imparato da sola”
(Ci concentriamo su Sonia perché è una dei due candidati sindaco “a sinistra del Pd”. Se questa è la sinistra, lasciateci soli a vedercela con la destra, che facciamo meglio da soli!)
5. Non basta: questo è l’articolo del Messaggero Veneto con le dichiarazioni di Finardi del 3 giugno 2016: si tratta dell’ex presidente del Quartiere di Torre, primo della lista di Sonia D’Aniello:
finardi
6. Ed infine, tanto per incrudelire, le dichiarazioni di Finardi nel gruppo Facebook Sei di Torre:
Andrea Finardi ma come la zona ex cral è inagibile..l’assessore anzi ex Mazzer dice che non ci sono soldi da investire in questa storica struttura.. che anche se decadente rimane sempre storica.. NO I PROFUGHI A QUESTE CONDIZIONI NO A TORRE… PORDENONE NON LI VUOLE E LI MANDA A NOI.. A TORRE SEMPRE E SOLO ROGNE MAI UNA VOLTA QUALCHE BUONA NOTIZIA… che se li prendano i buoni pordenonesi che invocano pace e serenità fra i POPOLI. TORRE HA UNA SUA DIGNITA’. E’FATTO DI GENTE ONESTA CHE SA SOLO LAVORARE. TORRE E’ TORRE .. PORDENONE??? LO HAI CAPITO O NO???????
Andrea Finardi o se li prende la chiesa –…dal Papa in poi..noi non possiamo ospitare tutti.Già la zona del Cral è una zona abbandonata a cui il comune con la c minuscola non ha saputo dare risposta ai residenti in qwuesti anni.. vogliamo ulterioremente squalificarla??? non si fa cosi’.. viva Torre..
Andrea Finardi P.s. per Paolo Celante – Eligio Grizzo e tutti coloro i quali sono candidati al consiglkio comunale di Torre ..che abbiano a CUORE TORRE..se volete facciamo subito partire una sottoscrizione pubblica perchè questo fatto non accada.. NON AL CRAL..NON A TORRE
7. Conclusione.
Ci sarà ben un motivo se Chiesa cattolica ed attivisti superstiti della sinistra (quella che non ha bisogno di liste e partiti per continuare ad operare concretamente); Caritas e parrocchie così come le cooperative sociali “Sioux” di Legacoopsociali che avevano passato anni ad assediare il campo di concentramento di Gradisca; semplici cittadini con un po’ di umanità e perfino – con tanta fatica e più di qualche ritardo – amministratori comunali di ogni tendenza (non solo i pordenonesi di centrosinistra, ma anche il leghista sindaco uscente di Cordenons) si sono preoccupati del destino di questi tanti nostri confratelli e consorelle, futuri compagni di lavoro e di scuola, prossimi vicini di casa, badanti dei nostri genitori e sempre più spesso nostri maestri di vita.
Mentre qualche sedicente “sinistro” “civico” sente bisogno di far concorrenza a fascisti e leghisti (con l’unico risultato di rianimarne gli spiriti belluini) sul campo del razzismo xenofobo.
Alla larga! Meglio: tornate a casa, che fate più bella figura!!
                   Gian Luigi Bettoli ed Elisabetta Michielin
Ps: E le barricate, per piacere, lasciatele stare, che sono “cosa nostra”. Non sapete come si fanno, e rischiereste pure di farvi male.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: