Senza titolo-2
4 agosto 2017

Elena Beltrame ci ha lasciato

Il 3 agosto la Casa del popolo ha perso il suo presidente, Elena Beltrame, morta serenamente a 75 anni nella sua casa di Torre. Elena ha attraversato da ’partigiana’ la storia del nostro paese e della nostra città, prendendo sempre ‘parte’ per i più deboli per i senza parola per i senza diritti. Lo è stata nel suo lavoro, nella sua militanza femminista, nelle sue lotte per la pace, nella sua autonomia personale e di pensiero, nella sua curiosità ‘schierata’ sempre pronta alla conoscenza, mai al compromesso su valori per lei fondamentali. Mario Bettoli, partigiano, prima della sua morte la indicò come possibile presidente, riconoscendo in Elena la fermezza e l’indipendenza di giudizio necessari per mantenere la Casa del Popolo – che in quell’anno celebrava il suo centenario – viva e aperta ad ogni attività, chiusa senza incertezze a fascisti e razzisti. Elena ha saputo con discrezione e fermezza raccogliere l’impegnativa eredità di Mario, arricchendo la Casa del Popolo con la sua sensibilità ai diritti e alle lotte delle donne e delle minoranze. Il saluto alla nostra Presidente è stato dato lunedì 7 agosto con una cerimonia in Casa del Popolo: qui le foto. Le donazioni raccolte durante la cerimonia […]
23 luglio 2017

Piripicchio e piripacchio. Le bombe atomiche ad Aviano

Cosi’ si chiamava un vecchio giochetto che si faceva da piccoli. Pare di essere tornati a quei tempi quando periodicamente si sente parlare delle famose (e mai ufficialmente ammesse) atomiche ad Aviano. Ci sono, non ci sono. Si sa che ci sono ma non si puo’ dire. Lo sanno tutti ma altrettanti se ne fregano… Ora il governo Trump, oppure se si preferisce il pentagono, ha deciso che anche i rapporti, gia‘ abbondantemente secretati in molti particolari, sulla situazione di sicurezza degli stoccaggi di quegli ordigni, che finora venivano diffusi, non si faranno piu’. Pare che tale decisione abbia sortito almeno l’effetto di aver svegliato dal torpore chi, per questione di ruolo (essendo in Commissione Difesa) e per motivi territoriali (essendo pordenonese), ha sentito il dovere di esprimersi sulla questione. Nel passato, nonostante gli fosse stato richiesto di spendersi per chiedere qualche informazione sulla faccenda, non aveva dimostrato grandi scatti di orgoglio, ignorando di fatto anche qualche invito che gli era stato recapitato. Certamente il fatto che si voglia eliminare anche quella seppur minima informazione sullo stato dei depositi, fa pensare che di problemi ce ne siano stati parecchi. Lo affermano gli stessi rapporti del recente passato; non quelli relativi […]
17 luglio 2017

Il licenziamento ai tempi del jobs act

7 luglio 2017

Una domanda: ha più senso parlare di sinistra o destra, oppure di lotta tra le classi?

La domanda potrà parere ai più retrò, ma dei “più” non me ne curo: da tempo sono antropologicamente pessimista sul destino dell’homo occidentalis. Ma indubbiamente è il caso di fare un po’ di igiene mentale, in mezzo a tanto bla-bla-bla sul destino del centro-sinistra (è una questione di stile: badare alla precedenza, please!); sul pericolo della destra con cui si cerca cerca di mobilitare i militonti cervelli-all’-ammasso per votare per il rottamatore/federatore-pro-tempore; sulla indefettibile tendenza della sinistra-a-dividersi; sul fatto che quando i “compagni” vanno al governo fanno come gli altri, dalle Alpi alle Piramidi, oltre che dal Manzanarre al Reno. Dire che se ne ha le palle piene, è un eufemismo riduttivo. Per cui, cominciamo a ragionare su come stanno le cose. Ad esempio: che se, dagli anni ’70, il virus del neoliberismo ha coperto il pianeta, infettando anche i suoi potenziali antagonisti (non importa se ex gerarchi sovietici divenuti turbocapitalisti, o socialdemocratici occidentali trasformatisi in pseudomanagers: uniti tutti dall’averlo fatto con i soldi degli altri), ciò non significa che dobbiamo sempre accontentarci del “meno peggio”. Il fatto che ovunque ormai al voto ci vada una sempre più ristretta minoranza degli elettori, è ben significativo del fatto che la gente […]
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: