Senza titolo-2
18 maggio 2018

La Procura della Repubblica di Pordenone usa processare le opinioni ?

                Iniziamo con due citazioni della Costituzione repubblicana, quella legge suprema che né Berlusconi né Renzi sono riusciti a stravolgere: Articolo 21 Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione. La stampa non può essere soggetta ad autorizzazioni o censure. (…) XII Disposizione transitoria E` vietata la riorganizzazione, sotto qualsiasi forma, del disciolto partito fascista. In deroga all’articolo 48, sono stabilite con legge, per non oltre un quinquennio dall’entrata in vigore della Costituzione, limitazioni temporanee al diritto di voto e alla eleggibilità per i capi responsabili del regime fascista. Ora, prescindiamo per un istante dal fatto che la Costituzione (anche a causa di un precoce pronunciamento della Corte di Cassazione, allora ancora piena di giudici che avevano fatto carriera sotto il fascismo, che ritenne tale norma come programmatica e non direttamente cogente) sia ancor oggi da applicarsi in tanta parte. Ma la libertà di espressione ed il carattere antifascista della nostra Repubblica dovrebbero essere almeno, per l’appunto, considerati come punto di riferimento per le istituzioni, ad iniziare dalla Magistratura, il Terzo Potere dello Stato, dopo il Legislativo (che sappiamo da tempo […]
13 maggio 2018

Occasione “Persia”.

Pare proprio che ci stiamo arrivando. I veri motivi per cui la Siria e’ da 7 anni sotto le bombe stanno cominciando ad affiorare con maggiore chiarezza. 400.000 e passa morti non sono andati al creatore perche’ da queste parti ci sia in giro qualcuno che combatte ed accoppa in nome della democrazia o per la conquista dei diritti negati. In realta’ ci sarebbero I kurdi che in qualche modo potrebbero rivendicare intorti subiti e la lotta nei confronti del governo centrale, ma che si stanno facendo trascinare in un vortice che finira’ per travolgerli; loro ed i loro ideali. La sensazione che si ha (senza pretendere che cio’ sia condiviso, ovvio), e’ che le inevitabili pressioni da parte degli attori esterni finiranno per inquinare fatalmente i principi da cui la lotta dei kurdi e’ partita. Come precedentemente detto, un conto e’ poi parlare parlare del Kurdistan ed un conto e’ parlare della regione che ad oggi e’ di fatto sotto il controllo (militare piu’ che altro) della coalizione la cui maggioranza e’, appunto, rappresentata dai militari kurdi. Probabile che alcuni nodi ad oggi irrisolti, verranno presto o tardi al pettine. Il, controllo praticamente totale delle maggiori risorse energetiche, alimentari […]
11 maggio 2018

IL NOSTRO VICINO NUCLEARE

  La grandeur a tempo di Brexit. A partire dal 2019 il Regno Unito sarà a tutti gli effetti fuori dall’Unione europea. A dire il vero la sua adesione è sempre stata alquanto ambigua e molto parziale considerato il mantenimento della sovranità monetaria e il reale collocamento strategico/militare (più spostato verso Usa e Commonwealth che interno all’asse franco-tedesco europeo). Tuttavia, indipendentemente dal profilo sfuggente del Regno Unito, in Europa la politica estera comune non è mai esistita: ogni Paese si fa gli affari suoi e dove necessario, li difende anche militarmente in concorrenza con gli altri. Questa è ancora la realtà materiale delle relazioni internazionali. E poco conta se dagli anni novanta si sia astrattamente creduto ad una presunta “fine degli Stati” a fronte dei fenomeni di globalizzazione e finanziarizzazione. Nella grande maggioranza dei casi, gli Stati stanno semplicemente dismettendo la loro funzione regolatrice per concentrarsi sulla funzione repressiva interna e di proiezione militare verso l’esterno.  Lo schema neocoloniale, in sintesi, rappresenta la versione aggiornata e perfezionata del colonialismo e dell’imperialismo novecenteschi: multinazionali di bandiera e grandi banche > ricerca scientifica e tecnologica > professionalizzazione delle Forze armate > controllo dei mercati, della forza lavoro e delle materie prime.  Si […]
7 maggio 2018

Prima coalizione italiana

Ricominciamo da dove piu’ meno eravamo rimasti. Cioe’ dalla brillante missione umanitaria portata a termine dalla coalizione. Gia’ tale termine, usato nel modo in cui si presenta normalmente, fa pensare che esista una sola coalizione possibile, cioe’ quella degli ex volonterosi; evidentemente gli altri sono o sfaccendati, oppure in malafede. Ognuno la pensa e la pensi un po’ come crede, rimane il fatto che questi soggetti fino ad oggi hanno creduto bene di rivolgere i loro sforzi per destabilizzare mezzo mondo e per mandare al creatore un discrete numero di poveracci che, fossero stati intepellati, avrebbero volentieri rinunciato all’aiuto ricevuto. Che poi tali sforzi e relative sacrifici effettuati a danno, perlomeno delle tasche, anche dei cittadini delle nazioni che solitamente compongono questa allegra brigata abbiano portato a qualche esito positivo, e’ ad oggi tutto da dimostrare. Ad occhio e croce direi che i casini combinati siano esponenzialmente maggiori di eventuali riscontri positive. E qui non si tratta di difendere o prendere la parti di qualcuno che dall’altra parte della barricata si difende dalle aggressioni, quello rimane un dato di fatto ed un’opzione sacrosanta, si tratta solo di capire che esisterebbe anche un metodo diverso rispetto ai massacri inutili (in quanto […]