Senza titolo-2
17 settembre 2011

Biblioteca affollata per la presentazione del libro di Paolo Cossi e Davide Pascutti

  I 100 anni della CASA DEL POPOLO Il romanzo grafico conquista i giovanissimi Troppe volte i libri di storia finiscono per smorzare negli studenti ogni interesse per la materia che dovrebbero apprendere. Sorprendeva invece il colpo d’occhio sulla sala della Biblioteca Civica – dedicata a Teresina Degan – per la presentazione, a Pordenonelegge, di un’opera particolare, il romanzo grafico di Paolo Cossi e Davide Pascutti: “C’è una storia da raccontare – La Casa del Popolo di Torre compie 100 anni”. I due autori ricostruiscono con rigore i fatti storici su splendide tavole disegnate. Protagonista la Pordrenone operaia e cotoniera, le sue lotte contro i padroni per ottenere diritti e dignità, oltre che salario e lo scontro, irriducibile, contro la dittatura fascista. Paolo e Davide, raccontando e disegnando, oltre che alle barricate di Torre del 1921 contro gli squadristi, partecipano alla vita degli operai e delle cotoniere, alle loro lotte, speranze, alle durissime repressioni che subiscono anche nel dopoguerra, quando manifestano per scongiurare la chiusura dei cotonifici. Le immagi ni trascinano il lettore a immedesimarsi nei tanti personaggi e momenti disegnati. La Casa del Popolo appare fin dall’inizio del romanzo, quando la costruiscono e inaugurano, il 1° maggio 1911. Poi […]
14 settembre 2011

Una storia da raccontare

Presentazione del libro a fumetti C’è una storia da raccontare di Paolo Cossi e Davide Pascutti.   Giovedì 15 settembre ore 18.00 sala Teresina Degan – Biblioteca Civica piazza XX settembre Pordenone. Presenta Gianluigi Bettoli. Sono presenti i due autori Paolo Cossi e Davide Pascutti Pordenonelegge.
4 settembre 2011

Pienone nel nome di Pasolini

I 100 anni della casa del popolo: successo per i “Tre allegri ragazzi morti” Per Paolo Pasolini e Pordenone, nel concerto dei “Tre allegri ragazzi morti”, al parco del castello di Torre per il centenario della casa del popolo. Un cocktail artistico di successo e gente ovunque sotto le querce secolari, nella serata di venerdì scorso. Sedie insufficienti e parcheggi introvabili, già un’ora prima dell’evento, uno dei principali nella serie di manifestazioni programmate per i 25 lustri della casa del popolo. Sono stati resi magistralmente da Davide – voce e disegnatore del gruppo musicale – volto e figura di Pasolini, proiettati sul megaschermo con frasi bervi e incisive. Le stesse raccontavano i passaggi della vita di Pier Paolo – espulsione dal Partito comunista italiano compresa – delle sue produzioni poetiche, letterarie e cinematografiche. Introdotto dalla musica di Enrico e Luca, Pasolini è stato riascoltato nelle preveggenti intuizioni di intellettuale che denunciava uno sviluppo, dannoso, del solo consumismo, senza il progresso dell’istruzione per i poveri, di una sanità d’eccellenza per tutti, del tempo dedicato alla cultura e allo sport praticato, invece che alla ricerca esasperata del profitto e alla visione passiva della televisione. Pasolini è stato rievocato durante il concerto, fra […]
10 agosto 2011

Un episodio di micro-micro storia locale

Fra i libri donati alla Biblioteca Civica di Pordenone, le riviste storiche e i molti ricordi della sua vita di insegnante e preside, i volontari della Casa del Popolo che stanno dando una mano per riordinare tutto il materiale documentario della casa di Teresina Degan, hanno trovato anche un quaderno a righe. Niente di speciale, solo il quaderno a righe di seconda elementare di un bambino dligente e con qualche incertezza nella scrittura che – secondo i severi parametri del tempo – meritava un semplice 6- a fronte degli 8 che prendeva nei contenuti dei suoi testi. Il quaderno risale al 1956 ed è di un bambino (di allora) di Roveredo in Piano. Ai volontari è sembrato naturale leggerlo! e scoprire così ad esempio al 2 febbraio 1956, (riporta diligentemente lo studente) “Oggi fa proprio freddo! Il termometro segnava -8 e anche -10. I vetri della nostra scuola, questa mattina erano ghiacciati, ed anche a casa mia”; 4 febbraio, Diario: ” In Europa, causa il freddo sono morte cento persone. La radio ha annunciato che nevica su quasi tutta l’Europa”. 7 febbraio: “mentre entravo nell’aula il vento non mi permetteva di chiudere la porta” e “la nostra maestra ha trasportato […]