Senza titolo-2
9 giugno 2013

La costituzione della baita

  La costituzione della baita personaggi e interpreti: Calde (C)- nella parte di sè stesso (e già basta e avanza) Nania (N)- nella parte dell’intellettuale (e abbiamo detto tutto) D’Onofrio (D)- nella parte di chi c’era (ma non sa perchè) Pastore (?)- nella parte dell’uomo mascherato  (ecco perchè gli altri non l’avevano riconosciuto)     C -Ostia! Finalmente arrivati in sto cazzo di baracca; ma non si poteva fare tutto al bar di Ponte di Legno? N-Dai Calde, non rompere le palle e tira dritto, se ti lamenti tu che vuoi che dica D’Onofrio? C-Sta  zitto un ostia! Mi tocca stargli davanti che sennò mi avvelena con tutte quelle scoreggie e poi fosse  stato per te e Nania ci saremmo trovati a Palermo da Dell’Utri. Ma poi, sto pastore, ci farà almeno un po’ di ricotta? Anche se, a dire il vero, non ho capito bene perché doveva viaggiare con noi. N-Sei proprio una bestia, Questo tizio, che ti dirò anch’io conosco poco, si chiama Pastore, ma non lo è! C-E allora perché si chiama così? N-Dai vaffanculo, che cazzo sto a perdere fiato con te, che già ne ho poco. C-Hei, ma le chiavi chi le ha? D-Nania, non […]
6 giugno 2013

Dibattito sull’Accordo fra FARC e Governo Colombiano

Riportiamo il dibattito scaturiti dalla pubblicazione dell’articolo sull’ACCORDO “VERSO UNA NUOVA CAMPAGNA COLOMBIANA: RIFORMA RURALE INTEGRALE” fra Farc e governo colombiano.  ————— Quando ho letto il comunicato qui sotto mi si è aperto il cuore. concretezza, coraggio, futuro…pace con giustizia sociale. I latinoamericani hanno ancora altro da dirci e da insegnarci. Il mio unico augurio, a questo punto, è che le FARC possano gestire la loro smilitarizzazione in maniera ponderata anche perchè la loro pluridecennale, tenace resistenza è l’unica ragione per cui ora si può parlare, in quel paese, di Riforma Rurale Integrale e di molte altre cose.  Gregorio Piccin —————– COMUNICATO CONGIUNTO FARC-GOVERNO SULL’ACCORDO “VERSO UNA NUOVA CAMPAGNA COLOMBIANA: RIFORMA RURALE INTEGRALE”. I delegati del Governo e delle FARC-EP rendono noto che:Siamo giunti ad un accordo sul primo punto dell’Agenda contenuta nell’ “Accordo Generale per la conclusione del conflitto e la costruzione di una pace stabile e duratura”.Abbiamo concordato di denominarlo “Verso una nuova campagna colombiana: Riforma rurale integrale”. Nel prossimo ciclo di conversazioni, presenteremo il primo rapporto periodico del Tavolo. Abbiamo costruito accordi sui seguenti temi: –         Accesso ed uso della terra. Terre improduttive. Formalizzazione della proprietà. Frontiera agricola e protezione delle zone di riserva. –         Programmi di sviluppo con […]
29 maggio 2013

VOCI DA TUNISI – L’esperienza al Forum Sociale Mondiale 2013.

sabato 7 giugno alle 20:45 Alla Casa del Popolo Con la partecipazione di: Alessandro Salvador – ARCI Fabio Passador – ARCI Ferruccio Nilia – Officina della Decrescita Pordenone Stefano Zucchiatti – blogger (www.voicesfromtunisi.org) Saranno proiettate alcune foto delle giornate del FSM di Tunisi.  
14 maggio 2013

La “Banda Collotti”

Storia di un corpo di repressione al confine orientale d’Italia sabato 25 maggio, alle 18:00, alla Casa del Popolo Claudia Cernigoi presenta la sua ultima ricerca, edita da KappaVu “Banda Collotti” era il nome con cui questo squadrone della morte era tristemente noto, non solo a Trieste, ma in tutta l’allora Venezia Giulia dove operava. Istituito da Mussolini nel 1942 espressamente come corpo di repressione antipartigiana nella Venezia Giulia, l’Ispettorato Speciale di Pubblica Sicurezza con sede a Trieste, fu l’unica struttura dedicata esclusivamente a tale scopo in Italia. Si distinse per l’efferatezza dei metodi, con l’uso sistematico della tortura negli interrogatori degli antifascisti italiani e slavi catturati, ma anche dei semplici sospetti, in una sequenza di orrori che percorre tutta la documentazione presentata. L’Autrice ricostruisce qui il periodo storico dell’Ispettorato, in una ricerca a tutto campo, usando documentazione d’archivio, ma dedicando anche particolare attenzione alle interviste fatte ai sopravvissuti agli interrogatori della cosiddetta “banda Collotti”, la parte più attiva dei membri dell’Ispettorato, che dopo l’8 settembre 1943 servì agli ordini del comandante delle SS dell’Adriatisches Küstenland. Questa ricerca di Claudia Cernigoi diventa un tassello importante nella ricostruzione della storia “delle più complesse vicende del confine orientale”, gettando nuova luce sui […]