Lettera aperta. Sciopero della Rete Solidale di Pordenone
20 maggio 2016
Leggende del nostro tempo: breve storia dei 35 euro
29 agosto 2016

Lettera aperta sui richiedenti asilo

Want create site? Find Free WordPress Themes and plugins.

Comunicato stampa

Consegnata oggi alle redazioni locali de Il Gazzettino e Messaggero Veneto una Lettera aperta (pubblicata sotto con tutte le adesioni) sul tema dei richiedenti asilo, molto discusso e dibattuto anche in occasione dei confronti elettorali sui ballottaggi a Pordenone, Cordenons e S. Vito.
In 5 giorni sono state raccolte adesioni di 117 persone della provincia, più un’altra trentina, in solidarietà, da fuori. Tra queste presenti volontarie e volontari della Rete Solidale (purtroppo molte/i sono fuori), di alcune parrocchie cittadine che hanno in atto progetti di accoglienza: Vallenoncello, compreso il parroco Giacomo Tolot, e Rorai Grande (purtroppo parroco assente). Il testo è stato condiviso da “ Humanitarian Mission in Europe ”. Segnaliamo, inoltre che l’hanno condivisa diversi consiglieri comunali o che lo diventeranno tra pochi giorni (Antonella Del Ben-Pn, Laura Sartori e Natale Sorrentino-Cordenons, Jessica Alzetta-Monterale V. , Michele Ciol-Casarsa, Riccardo Segatti-S. Vito) nonché tante/i candidate/i in diverse liste. Ci sono personalità locali della cultura (Carla Manzon, Alessandra Gusso), ed esponenti dell’associazionismo locale (Elena Beltrame-Casa del Popolo, Maria Di Stefano-Voce Donna, Maria Teresa Grillo-Arci Cordenons, Mattia Segatti-Arci Montereale V., Mauro Marra-Assoc. Immigrati, Pia Covre-Assoc. Le Lucciole). Tra le adesioni Gigi Bettoli, per Legacoopsociali regionale. Hanno aderito anche esponenti politici provinciali di partito: Moreno Puiatti (Pd), Sebastiano Badin (Sel) e Gianluca Schiavon (RC).
La lettera invita giornaliste e giornalisti, a non evidenziare sempre e solo i temi della paura e della invivibilità della situazione per la città (“non si può tollerare di bivaccare nei parchi”), ma a mettere in evidenza quello che è il nodo centrale della questione: il rispetto e la piena applicazione della normativa attuale, il decreto legislativo 142/2015, nonché le direttive europee 32 e 33 del 2013. La legge che assegna competenze principali allo Stato (Prefettura e Questura) e sussidiarie ai Comuni prevede che alle persone che si presentano per l’identificazione manifestando la richiesta di asilo, se non ci sono ben definite ed accertate cause ostative, venga garantita l’accoglienza, anche minima e straordinaria, almeno fino all’esame della loro domanda attraverso apposite Commissioni.
Appare quindi del tutto FUORI LEGGE lasciare diversi di essi vagare per giorni e settimane , senza un tetto, anche provvisorio, dove dormire, senza servizi igienici: sono “illegali” le varie istituzioni preposte non le persone che sono oppresse e angosciate da questa situazione. Trasformare i richiedenti asilo in responsabili della mancata accoglienza e chi, volontariamente, cerca di aiutarli in un fautore dell’immigrazione clandestina o peggio in uno speculatore è il segno della volontà di capovolgere la realtà.
RETE SOLIDALE
Pordenone, 17 giugno 2016

 

LETTERA APERTA ALLE REDAZIONI di Pn de “Il Gazzettino” e “Messaggero Veneto”

La “questione” dei richiedenti asilo/profughi rimane attualissima e diventa così uno dei temi centrali nel dibattito sul ballottaggio per l’elezione del Sindaco, a Pordenone come a Cordenons e S. Vito.
L’argomento riguarda soprattutto l’accoglienza o meglio la NON accoglienza di varie decine di persone che, in questo momento, da giorni vagano in varie zone senza ricevere alcuna, neppur provvisoria, risposta a questa prima esigenza. Anzi assistiamo ad alcune odiose ed intollerabili non/risposte degli organismi comunali come la chiusura dei bagni pubblici in un parco pubblico o il sequestro, sottrazione di loro coperte, quasi una sorta di furto, con disagi che si estendono a tutta la collettività.
Nei confronti di questi esseri umani, perché tali sono, si sono spesso alzati i muri dell’indifferenza o peggio della discriminazione e del razzismo. Si è invocata la legge per chiederne la non accoglienza e l’espulsione definendoli con disprezzo “clandestini”, anche se non sono mancate tante dimostrazioni di generosità e disponibilità da parte di cittadini.
Sembrerà una provocazione, ma quello che Rete Solidale, Associazioni Immigrati, volontari di alcune parrocchie cittadine e Humanitarian Mission in Europe chiedono costantemente da lunghi mesi è “semplicemente” la piena applicazione della Legge. Il decreto legislativo 142/95, norma nazionale in applicazione di direttive europee, prescrive, già all’articolo 1, che <<le misure di accoglienza si applicano dal momento della manifestazione della volonta’ di chiedere la protezione internazionale>>. Quindi, se non esistono particolari e gravi cause ostative, nei confronti di coloro che si recano ai posti di polizia notificando generalità e richiesta di protezione tale ospitalità, anche minima, è DOVUTA! In realtà capita, anche da noi come altrove, che si aspetti “per strada” giorni e settimane, anche con tempo avverso, prima di entrare nei progetti.
La stessa norma assegna allo Stato, tramite i suoi organismi locali, le modalità di identificazione e controllo nonché l’esame delle richieste di asilo (casomai le autorità locali possono chiedere tempi più celeri e assegnazioni di maggiori unità per tali funzioni). Ai Comuni la legge assegna un compito primario di supporto allo Stato sia nell’attivazione dei “progetti” di accoglienza/formazione/impegno civico sia nell’attivazione di centri di prima accoglienza che può essere affidata a comuni singoli o associati (art. 9).
Detto questo, è così impossibile/ insolito chiedere un impegno affinchè anche sul nostro territorio si applichi pienamente la legge al riguardo? Possono terminare le azioni, stupide, messe in atto da funzionari pubblici (sotto quali direttive e con quale legittimità?) che, invece, tendono ad esasperare una situazione difficile sottraendo coperte e indumenti o impendendo l’accesso ai bagni pubblici, con effetti facilmente immaginabili?
Chiedere ad associazioni e cittadini di offrire collaborazione e partecipazione ad azioni/iniziative di supporto predisposte dalle amministrazioni pubbliche in tal senso è così irrealizzabile come affermato, proprio mentre invece spontaneamente è più volte accaduto? Chiedere ed organizzare servizi, anche nelle forme sopra indicate, di conoscenza linguistica e territoriale nonché programmi d’impegno civico come fatto in altri piccoli Comuni della nostra provincia (anche di diverso orientamento politico) è davvero un’impresa impossibile per le prossime Amministrazioni di Pordenone, Cordenons e San Vito?
Ci piacerebbe che sulle pagine dei vostri giornali, dentro i dibattiti che vorrete organizzare o a cui parteciperete ci fossero queste semplici, chiare domande e non solo ripetitive affermazioni su pericoli e rischi, reali o semplicemente percepiti, di questa presenza che non è un’eccezione, ma sarà per cause sociali, economiche e geopolitiche una costante anche nel prossimo futuro.
È inammissibile e insensato chiedere una risposta e un impegno ?
Infine, la richiesta di un centro di primissima accoglienza che accolga provvisoriamente chiunque, italiano o straniero, si ritrovi a vivere per strada è così fuori luogo?
1. Adelina Zanella,
2. Alessandra Gusso,
3. Alessandro Sperotto,
4. Andrea Bortolin,
5. Andrea Franchi,
6. Andrea Romano,
7. Anna Comerci,
8. Anna Dazzan,
9. Antonella Del Ben,
10. Barbara Giannelli,
11. Biancarosa Minigutti,
12. Bruno Tassan Viol,
13. Carla Manzon,
14. Carla Padovan,
15. Carmen Barro,
16. Carlo Mayer,
17. Carolina Farinaro,
18. Cinzia Villa,
19. Claudia Canzi,
20. Clementina Pace,
21. Cristina Campanerut,
22. Dafne Malinverno,
23. Daniela Dose,
24. Daniela Filipozzi,
25. Daniela Galeota,
26. Daniela Pillon,
27. Daniele De Piero,
28. Danilo De Vittor,
29. Dario Marini,
30. Duriziana Del Puppo,
31. Jessica Alzetta,
32. Elda De Pin,
33. Elena Beltrame,
34. Elisabetta Michielin,
35. Elisa Bertali,
36. Elvira Ebraico,
37. Emiliana Moro,
38. Erik Ivan Montagner,
39. Ester Flora,
40. Fabio Coden,
41. Fabio Passador,
42. Fabio Valeri,
43. Fernand Didier Manga,
44. Francesco De Rosa,
45. Giacomo Antonioli,
46. Giacomo Bet,
47. Gianfranco Cozzi,
48. Giacomo don Tolot,
49. Gianluca Giannetto,
50. Gianluca Schiavon,
51. Gigi Bettoli,
52. Gigliola Saponello,
53. Gino Genovesi,
54. Gino Segatti,
55. Giovanni Vallin,
56. Giuseppe Vespo,
57. Gloria Raffin,
58. Laura Sartori,
59. Lorena Fornasir,
60. Lidia Torrente,
61. Luca Pecoraro,
62. Lucia Bravo,
63. Lucia Gucciardo,
64. Lucia Menotto,
65. Lucina Pase,
66. Luigi Bevilacqua,
67. Luigi Simonetti,
68. Luigina Perosa,
69. Luisa Blarasin,
70. Maddalena Fasser,
71. Maria Di Stefano,
72. Maria Laura Di Fabio,
73. Maria Pia Martin,
74. Maria Teresa Grillo,
75. Maristella Zeni,
76. Martina Tescari,
77. Mattia Di Pauli,
78. Mattia Segatti,
79. Mauro Marra,
80. Michele Ciol,
81. Michele Negro,
82. Miriam Malizia,
83. Moreno Puiatti,
84. Natale Sorrentino,
85. Nicola Lazzarin,
86. Nicoletta De Bellis,
87. Paola Marzinotto,
88. Paolo Giacomello,
89. Pia Covre,
90. Patrizia Crismani,
91. Patrizia Santarossa,
92. Raffaella Lavia,
93. Raffaella Muzzo,
94. Renata Novaretti,
95. Renzo Shtylla,
96. Riccardo Segatti,
97. Rita Rigo,
98. Rita Sclippa,
99. Roberta Mantovani,
100. Roberta Miotto,
101. Roberto Barbisin,
102. Rossana Casadio,
103. Sabrina Giontella,
104. Sandro Rinaldini,
105. Sebastiano Badin,
106. Silvana Chiaradia,
107. Silvia Facchin,
108. Sofia Solarino,
109. Sonia Nadalin
110. Speranza Coccoli,
111. Stefano Barazza,
112. Stefano Miniutti,
113. Stefano Truccolo,
114. Tiziana Marchese,
115. Valeria Dirani,
116. Vincenzo Piccinato,
117. Viviana Castellarin.
… più un’altra trentina di persone fuori provincia in solidarietà.

Did you find apk for android? You can find new Free Android Games and apps.
CdP
CdP

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *