Si dice si fa

“Plantar pobreza”: a Cordenons serata in solidarietà del popolo Mapuche

Cordenons in Movimento assieme all’associazione Huka Hey, movimento in difesa dei nativi americani, organizza per giovedì 10 novembre alle 20,30 presso il Bar Dino di Cordenons, una serata in solidarietà del popolo Mapuche attraverso la proiezione del documentario “Plantar pobreza”. Il documentario racconta la lotta del popolo Mapuche contro l’usurpazione delle loro terre ad opera dei latifondisti. Nei grandi latifondi, costruiti dalla sottrazione di terre al natio popolo Mapuche, si realizza la deforestazione, il disboscamento e la distruzione delle millenarie specie arboree native, sostituite da piantagioni di eucalipto, con grave danno per l’ecosistema e pericolosa erosione e impoverimento del territorio. I padroni dei latifondi, con questo sistema di sfruttamento del territorio, ricavano grandi somme di denaro. Il documentario racconta le possibili soluzioni per invertire questo stato di cose attraverso la testimonianza portata dalle popolazioni indio locali che realizzano esperienze di ripiantumazione boschiva, di salvaguardia dell’acqua intesa come patrimonio comune e il ripristino della sovranità alimentare.

loc-mapuche2

Tag , , ,

Una Risposta to ““Plantar pobreza”: a Cordenons serata in solidarietà del popolo Mapuche”

  1. Francesco Cecchini

    7 novembre 2016 at 22:16

    Rispondi

    Mapuche significa popolo o gente (che) della terra (mapu), terra del popolo. Un popolo che prima gli spagnoli, ma poi, innanzitutto, i padri della patria e degli argentini di oggi tentarono di sterminare e quasi ci riuscirono. Una vaga, ma tragica contabilità parla di centinaia di migliaia di morti. Le campagne militari della Pampa o del Desierto furono vere e proprie azioni di genocidio. Ma invano i Mapuches ed anche i pochi Tehuelches che rimangono continuano a resistere e lottare. Sono un popolo tenace e duro come le loro terre, dal Pacifico all’ Atlantico: le due coste, Le Ande, il nord della Patagonia, la Pampa, ed i venti che le scuotono.