qualcuno….bara!
22 ottobre 2013
Novembre, la stagione dei cachi….
3 novembre 2013

altro che wikileaks

Want create site? Find Free WordPress Themes and plugins.

Così, per ridere…. sempre ammesso che.

A: Angela Merkel

F: Francois Hollande

K: John Kerry

E: indovinate

000: a parte 007, che sarebbe inglese, tutti i numeri che volete

mr. X: non si può dire….

 

Tu tuu tuut tuutt tu tu tuuuttt tuu. Click:

E: pronto?

A. Jaaa, ki parla?

Mr.X: Click

E: Angela? Sei tu?

A: Jaa zono io!

E: Scusa se ti disturbo, sono Enrico.

A: Enriko ki?

E: Dai, Angela, Enrichetto tuo, quello che non ti rompe mai i maroni..

A: Maroni? Ankcora quella specie di ministro?

E: Noo, Angela, sono Enrico, il primo ministro italiano, Letta.

A: Ahhhh, Enriko!

MrX: Crrr, crrct, Damn! Fuck! What a fuck bad line! Shhhhhst. Sennò se ne accorgono.

E: Enrico, sì, sono io, come va?

A: Pene, Crazie. E tu?

E: Beh, sai, c’è un po’ di casino in giro, ma insomma..

A: Casini? Anke lui ancora in giro? Ahhh, allora kapisco.

E: No, non è proprio così, ma va bene lo stesso.

A: Timmi, kosa vuoi a quest’ora?

E: Behh, sai, qui la vita è difficile; mi chiedevo se non potevo chiederti un piacere..

A: Toifel! Ankora?! Ma siete sempre lì a kietere voi terroni. Ke c’è stavolta?

E: É che abbiamo due lire in tasca e centomila urgenze per spenderle; insomma, non sappiamo che     fare. Ci servirebbe un prestitino, oppure che ci compraste un po’ di bond a tassi ragionevoli.

A: Kuarda, Enriko, Mr.X: ccrrrt, strttch,crrttt, shhht!Ank’io ho i miei problemi, sai che amo gli animali.

E: ?Mbè?

A: É ke io per risparmiare, in kasa ho il riskaldamento a karbone e ne tengo sempre poko vicino alla stufa. Ora ho “eine große Katze in Kohle” e sta sporcando in tutta la casa. Kome dice in italiano? eine große Katze in Kohle?  (un grosso gatto nel carbone, ‘gnoranti!)

Mr.X: Crrrtcrt krrastt fiuuu fsstcrt, wow! Interesting!

 E: A’ Angela! Eccheneso io come si parla il tedesco. Mi pare piuttosto una cosa delicata.

A: Ja, non sai kuanto, mi fa difentare matta kuetsa cosa!

E: Senti, Angy, se vuoi ti richiamo in un altro momento, non vorrei disturbare.

E: Krazie, voglio proprio prentere quel die große Katze e farlo a pezzi!

E: (parlando con s stesso) Mamma mia, meno male che è racchietta, che se magari ci facevo un pensierino…

E: Ciao, ci sentiamo.

A: Ciao, Enriko, skusa ma kome vedi ho altro da fare.

Mr.X: Ah ah ah, my god! Unbelievable! This is great. Click

 

 

 

Tu tuut tut tuuuut tu tuutt tuut tuuuu Click: pronto?

Mr.X: click

F: Oui! Qui parle?

E: Francois! Vecchia quercia!

F: Alò! Qui est?

E: Eddai, sono Enrico, ti ricordi?

Mr.X: Crrt crtsttst frrr fiuuu sftrfst, Slowly, damn!

F: Me alora, dami un susgerimento, bon!

E: (sempre preso con sé stesso) Cazzo, questo è andato!

Enrico Letta, il nipote di mio zio..

MrX: zztst crrrrr strrrtcr pzzzzztzzzz.fucking technology!

Shsssshhhsst, silent please

F: Gianni! Me alora come va?

E: No, Francoise, non sono Gianni; sono Enrico, il primo ministro italiano.

F: Sacre diable, me alora sei tu il primo ministro?! E da quando?

E: (…) ehh, già da un po’. Forse da troppo, ma che ci vuoi fare, altri pirla di ‘sti tempi non ne hanno trovati…

F: Oui oui, d’acord, me che vuoi a quest’ora?

E: Niente, amico mio, solo volevo sapere se mi poteviiiii, sì, se mi/ci poteviiii…

F: Bon?

E: Insomma, non hai degli spicci che ti girano per le tasche?

F: Spicci? Mon diable, parla meglio! Non capisco.

E: Ehh, già, non capisci… avrei/avremmo bisogno di un piccolo prestito. Sai il gioco delle tre carte ormai non tiene più.

F: Il jioco delle tre carte? Boh, je ne comprends pas. Hai bisogno di soldi? Argent?

E: Bravo Francois, vedi che se vuoi….

F: Me non è che se voglio, è che non so si è posible.

E: Guarda, se mi vieni incontro, poi faccio quello che vuoi.

F: Ohh lalà, meeee devo far le calcul (devo fare il calcolo, sempre ‘gnoranti). Non so, combien hai bisogno?

Mr.X: zzzzzt strzztsrtzz fuzzt fiiiiiiuuuuustztzts wow!

E: beh, non saprei dirti esattamente…

F: Si vuole tempo, ora non posso, meee non so, vediamo magari un’altro jorno. Ora scusa me ho da fare.

E: Sì, s’ vabbè, ciao.

Mr.X: Click

E: E mo’ che faccio? Chi glielo va a dire a quelli che mi aspettano che non c’è un quattrino in cassa? Proverei con le banche, ma quelle prima ancora che chieda io, mi hanno già estorto tutto e mi/ci indebito ancora di più. Boh, ‘namo a dormire che domani c’è Kerry.

E: Caro John, come va?

K: AH ah ah, how are you, Gianni?

E: (E vabbè, pure questo con Gianni). No, guarda, Gianni in fondo sei tu, io sono Enrico. Capita questa?

J: Ahh, yes, voi italiani siete tutti uguali, pizza, mandolino, mafia, barzellette. Ah ah ah!

E: (sì, e sto cazzo) Ah ah ah, sempre in vena di scherzare, vecchio John.

J: Oohh, yes, anche noi americani sempre simpatici, ma voi, wow, avete Berlusconi….

E: Lascia perdere, va, che quello non riusciamo a togliercelo dai coglioni. D’altra parte, poi, come facciamo a dire che non siamo capaci di fare un cazzo? Finchè c’è lui, la scusa è buona.

J: So, Gianni, Ops, sorry, Enrico, how are you? Sai cosa significa?

E: Senti, a Kerryyyy, fino a prova contraria chi non conosce altre lingue siete voi, chiaro?

J: Shit, abbiamo dormito male, Henry?

E: Nooo, scusa John, ma ho alcuni problemini da risolvere e non ne vengo a capo.

J: Well, no problem. Ti tiro su un attimo. Do you know l’ultima?

E: No, che ultima, manco la prima.

J: Hey, listen, questo essere segreto, eh?!

E: Vabbene, dai, racconta.

J: Sai che la Merkel…..

E: La Merkel cosa?

J: Heee, la Merkel….

E: Aoooò, daje.

J: Insomma, la Merkel….

E: Senti John Kerry, se non me lo dici sospendiamo il colloquio di lavoro, eh?!

J: Well, Angela…

E: Angela chi?

J: Ohh, god! Angela Merkel no?

E: Ahh, sì c’hai ragione. Scusa

J: Well, Angela Merkel fa sesso sfrenato ed estremo!

E: Noooooo, e tu come lo sai?

J: Non te lo posso dire, ma dovresti saperlo anche tu. Non fare l’innocente!

E: Che cazzo vorresti dire, che io ci scopo?

J: Scopare? Ti ha già assunto come cameriere?

E: Sì, vabbè, cameriere… ma dimmi, dai.

J: Come on, pare che le piaccia il sesso anale e con dei grossi calibri!

E: Ma dai! Chi te lo ha detto?

J: Henry, chi vuoi che me lo abbia detto?

E: Infatti, chi?

J: The same che mi ha detto anche di Hollande?

E: Hollande? E che c’azzecca quello?

J: Ooooo, poor boy, fai… come si dire qui? Gnorry?

E: Ma di che cazzo stai parlando?

J: Listen, siamo pronti a far saltare l’Europa con lo scoop che abbiamo… how doyou say discovered?

E: Scoperto!

J: Good, scoperto. Ma come on, che lo sai anche tu.

E: COOOOSAAA?

J: Ah ah ah, staresti bene nei nostri servizi. Nessuno capisce se kuelli ci sono o ci fanno. Ho detto bene come dite voi?

E: Boh, non ci capisco più una sega, ma ci sono abituato, sennò andrei dal medico.

J: Anche Francois, tu lo kiami così, isn’t it?

E: Sì, Hollande lo chiamo Francois, siamo amici, socialisti o giù di lì. Ma tu che ne sai?

J: Ahhh, per kuello ti ha detto così….

E: Così che?

J: Beh, sì, ke si farebbe…. insomma…..

E: Insomma che?

J: Sì, insomma, che si farebbe leccare il culo!

E: Ma che cazzo dici? Chi ti ha detto una cosa simile?

000: Presidente!! andiamocene; il colloquio è finito.

E: Finito? Manco lo abbiamo cominciato, generale.

000: Certo, ma venga che le dico due cose.

E: Ostia! Ti ci metti pure tu. Ma che succede qui?

000: Tenga, legga i giornali che poi le spiego tutto io.

Da Repubblica del 24/10/2013

Datagate, affondo di Letta alla Ue
Merkel: “Io, spiata dagli amici…”

Rivelazioni Espresso: “Nostri 007 coinvolti”

Kerry a cena a Roma, ricciola e tartufo per dimenticare il momento difficile della diplomazia Usa

SIGH!!!!!!

Bruno Tassan Viol

Did you find apk for android? You can find new Free Android Games and apps.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *