i richiedenti di Pordenone in Comune per richiedere l’iscrizione anagrafica
19 maggio 2015
La “Caporetto” neofascista al monumento a Tito di Nova Gorica
29 maggio 2015

ADESIONI appello: a Pn Stop nuove edificazioni x Cittadella Salute a Pn e riutilizzo padiglioni dismessi

Want create site? Find Free WordPress Themes and plugins.
Sono passati 20 giorni dal lancio dell’appello per fermare e rivedere la scelta di costruire a Pordenone sulla parte finale e delicata di via Montereale la “Cittadella della Salute”, portando invece tutti i servizi dell’Ambito sociosanitario e del Distretto sanitario negli attuali padiglioni ospedalieri “A” e “B”, che verranno dismessi una volta costruito il nuovo ospedale. Recuperando spazi maggiori per altri servizi che resterebbero ancora sparsi in città nonché altri per attività di assistenza e/o culturali e di socializzazione.
Mentre le Amministrazioni pubbliche coinvolte non hanno inteso rispondere via stampa alle sollecitazioni dell’Appello promosso dal Comitato Salute Pubblica Bene Comune, Circolo Legambiente di PN e Terraè alcune realtà associative del territorio vi hanno invece aderito, facendolo proprio e sostenendolo.
In ordine di arrivo:
Fuori Tema, Pn Rebel, G.A.P., Sacile Partecipata e Sostenibile, Casa del Popolo di Torre, Acqua Nova di Pn.
Ora l’Appello con le adesioni finora raccolte verrà inviato in Regione (Presidente Serracchiani, Assessore alla sanità Telesca, Assessori Bolzonello e Panontin e ai Consiglieri regionali della 3^ Commissione).

Di seguito ripubblichiamo l’Appello:

APPELLO

Noi cittadine/i, utenti e contribuenti, nel sottolineare come gli importanti provvedimenti che riguardano vita, salute, investimenti delle risorse, continuino ad essere presi senza alcun confronto, partecipazione e condivisione delle decisioni, proponiamo le seguenti riflessioni sul tema “Cittadella della Salute”, il progetto da complessivi 12 milioni di euro per costruire a Pordenone sulla fine di via Montereale, verso l’incrocio con viale Venezia, un complesso edilizio di quattro e tre piani, per ospitare uffici dell’Ambito sociale e del Distretto sanitario.

Una volta stabilita la giusta collocazione del nuovo ospedale nell’area di via Montereale, per la cui realizzazione sta procedendo l’iter burocratico e operativo, la scelta di edificare la “Cittadella della salute”, nell’area della ex caserma Martelli, non risulta ora superata? Ricordiamo che era stata prevista e finanziata lì dalla precedente Giunta Regionale quando l’Ospedale veniva previsto in Comina.
Al completamento del nuovo ospedale si libereranno molti volumi, di cui alcuni già a norma, in grado di accogliere non solo i servizi previsti nella “Cittadella”, ma anche altre strutture socio-sanitarie come Consultorio, CSM, Neuropsichiatra, RSA di cui c’è carenza o servizi destinati a bisogni residenziali, sociali, culturali o scolastici che faticano a trovare spazi, risparmiando gli alti costi di locazione.
Le risorse economiche previsti per la costruzione della “Cittadella” non possono allora essere più proficuamente impiegate per la ristrutturazione di beni pubblici e per l’erogazione dei servizi socio-sanitari?
Meglio sarebbe adibire l’area della ex Caserma Martelli a “Parco della Memoria”. Un’oasi di verde pubblico dove oltre ai monumenti ai partigiani, è visibile il muro con le tracce della fucilazione dei giovani trucidati dai fascisti pordenonesi.
Infine si continua ad agire senza una progettazione complessiva dell’area, dei volumi e della viabilità.
Chiediamo alla Dirigenza della A.A.S. n.5 e alla Regione di fermare l’iter progettuale della “Cittadella” valutando attentamente bisogni e spazi per rivedere le scelte fatte dalla Giunta precedente alla luce delle nuove decisioni sull’Ospedale.

promosso da
Comitato Salute Pubblica Bene Comune, Legambiente, Terraè

con l’adesione di
Fuori Tema, Pn Rebel, G.A.P., Sacile Partecipata e Sostenibile, Casa del Popolo di Torre, Acqua Nova di Pn.

Did you find apk for android? You can find new Free Android Games and apps.

2 Comments

  1. NomeLUCIO PAGANO ha detto:

    Le palazzine A e B possono trovare un adeguato riutilizzo – penso in primo luogo alle esigenze dell’abitare sociale ed alle sedi universitarie –

  2. Gian Luigi Bettoli ha detto:

    Sono in generale d’accordo con l’iniziativa, ma la trovo debole, quando non del tutto controproducente, nella parte in cui si propone di inserirvi “anche altre strutture socio-sanitarie come Consultorio, CSM, Neuropsichiatra, RSA di cui c’è carenza o servizi destinati a bisogni residenziali, sociali, culturali o scolastici che faticano a trovare spazi”.
    Stiamo parlando di palazzoni di 6/11 piani, del tutto inadatti per accogliere servizi territoriali, come ad esempio quelli della Salute Mentale (non c’è solo la direzione del Dsm, ma anche il Csm 24 ore) e del Consultorio.
    Proprio sull’ultimo numero dell’ “Ippogrifo” Lucio Schittar, il collaboratore di Basaglia che negli anni ’70 costruì i servizi di salute mentale pordenonesi, denuncia l’errore di spostare la sede del Csm da Via De Paoli, sede ricercata coscienziosamente perché fosse inserita nel territorio, nel comprensorio ospedaliero, medicalizzante oltre che transeunte: infatti è di nuovo stata spostata, per le esigenze di costruzione del nuovo ospedale. Con buona pace della serenità necessaria per fare un lavoro di relazione.
    E che dire della proposta di collocare una RSA? Il problema, semmai, è di dimuire il numero di anziani che vengono inseriti in strutture che sono diventate le “istituzioni totali” del XXI secolo. Mi pare che le proposte odorino inequivocabilmente di una cultura vecchia in materia di servizi sociali.
    In sintesi: se dobbiamo fare delle proposte, facciamole bene. Le palazzine A e B possono trovare un adeguato riutilizzo – penso in primo luogo alle esigenze dell’abitare sociale ed alle sedi universitarie – se non si fanno proposte sbagliate.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *